Artistic Score Engraving — September 2021 Update

It has been such a long time since my last update I almost do not know where to start from.

THE UGLY

These past months have been incredibly challenging for me and my partner due to an unbelievable event that literally befell (upon) us: an upcoming neighbour had just bought the apartment above ours and, being an architect, decided to conduct renovation works by himself. Ignoring our several complaints of material falling into our apartment from the ceiling, he went on, until a whole section of the ceiling collapsed. Luckily we were not home at the time and my computer was not hit by any (big) debris but I would like you to see what could have actually easily killed us:

For your reference, the thickest pieces were up to 8cm thick. As one of my clients said: “But this looks like Bangladesh, can’t believe this is happening in Italy”. “Well, it is a very old building”, I replied, trying to stay calm among the tragedy. “We have old buildings here other EU country as well, they just do not collapse like that”.

The saddest thing is how the responsible have reacted: no one wanted to help, to collaborate, to pay us not even a night in a hostel, yet we could not call the police because that would have meant sealing the house, preventing us to even pick our things up. We needed to get out before other pieces would still fall and we had to make camp in the school where we teach.

Long story short, we are now in a new flat, found in the shortest amount of time possible and with unbelievable help from a couple of friends, swimming in boxes and waiting for the insurance to cover as much of the damage as possible. We are trying to avoid lawyers as much as possible as it seems that would be money thrown directly into the garbage. It is funny how here, in Italy, close to everyone you pass by and tell what happened reacts with “SUE THEM!”, “MAKE THEM PAY!” … and then you realise none of them has ever brought home any serious legal action, therefore has no idea how much that costs, even assuming you win.

There are so many funny aspects of what living in Italy means from a practical point of view that I could amuse all of you with but I will limit myself to just one: FERRAGOSTO! In August, nothing, absolutely nothing can be achieved in Italy, no way! Close to 90% of shops are closed for holidays, services, offices, anything, you name it … closed! The administrator of our previous flat managed to tell us—when the damage dealer refused to support our stay in a hotel—had the guts to say: “But why don’t you go on holiday?”. Ah, my dear Italy, you’re the most wonderful country of the world for anything tourism, sightseeing, nature, holiday, but as soon as anything even remotely serious needs to be done, you’re out of luck.

THE GOOD

Yes, there’s only ugly and good in this version of the story as anything bad can be skipped. We are grateful to whatever entity decided we were not there when stones started to fall and to all those who actually helped us come out of this. We are financially broken because any expense we had (and that we demanded the insurance give us back) had to be taken from our pockets, but this gave us an even grater resolve to push our limits and to improve on what we could.

Engraving-wise I have luckily been super-busy since last Christmas, with a customer’s assignments requiring me to work on Christmas Day and during Easter holidays! Now, these are most uncertain times and we need to accept anything that comes without being too picky. Covid being still among us, many publishers, composers have switched to writing/arranging for smaller ensembles and this has proven to be a very interesting challenge—more on that in a bit.

METAGRID

Over the last year or so I had started to use the Metagrid application from Metasystem, whose new version should come out in the upcoming months. This incredible application for the iPad allows you to control your computer (Mac or Windows) from the tablet, it switches automatically between apps, and it is deeply customisable to a sick level! Being a “mobile” worker, I needed something to offset the fact that Sibelius needs a full-sized (with numpad) keyboard to operate efficiently when I would be on the move so I started to program what Metagrid calls a viewset for Sibelius which I proudly released in February.

Here are some of the most relevant screenshot so that you can see what the app looks like on my 12.9in iPad Pro:

This tool soon proved to be my absolute bestseller and I thank all of you who purchased it and wrote me to tell how much you love it. For those who have not discovered it yet but would like to give it a go, you can find it here.

I have also received some great reviews and a suggestion on how to improve it in the future. Stay tuned!

TEMPLATE

Short after the release of the Metagrid viewset I started to work on a magnificent arrangement of Igor Stravinsky’s Firebird Suite (1919 version) which will be premiered in October this year to celebrate the 50th anniversary of the composer’s death. In an increasingly frenetic world it is vital that composers/arrangers have great tools at their disposal to work on so I realised a complete template of the Firebird Suite to be used with Avid Sibelius.

This template is made of 116 pages (the number of systems of the original Boosey & Hawkes edition), with condensing staves (that is Flute 1.2, Horn 3.4, etc…) already prepared and hidden in the score, parts already set up in the best possible way available for the software and … drumroll … fixed layout! This means that every bar has already been set to respect the original spacing of the music, even if now it looks empty. This will allow composers who want to print out the template to write by hand or want to use an iPad & pencil setup to directly scribble on the PDF (also provided) to be sure all music will fit nicely.

The template is offered in three different House Styles to help you choose your favourite design. It took about 20 hours to assemble it, so it was really a labor of love!

Should this series prove successful enough I will gladly create other templates and please feel free to drop me a message asking what you would like to see ported into a template.

I have a few other projects for “Engraving Tools” in the workings so it’s never been a more exciting time to be alive and busy!

OTHER NEWS & PROJECTS

Thanks to the wild success of the Metagrid viewset I have passed an unbelievable (for me and for the niche that my work represents) milestone: 100 individual customers here on Gumroad. I simply feel moved and honoured by the fact that my tools and scores have been able to help more than 100 people.

If you’ve not yet tried any of my tools or purchased any of my scores, as an existing customer you can enjoy a 10% discount on any product in my list. Just write artistic-september in the Promo Code field and enjoy!

Another incredible milestone is passing more than 500 likes on my Facebook page! One may say five hundred likes is nothing for a FB page but wait: I am a lone freelancer, working in the niche that classical music is, within which is a small niche called music engraving! That’s just awesome for me and for the 10 years of work that I celebrating right this month! Feel free to join the Artistico Score Engraving family!

It seems a cliché but after ten years in the same activity things start to move and to get somewhere! In July 2020 a young composer from the USA contacted me to inquire whether I would have been able to put together a book made of text and musical samples, all of which would have been coloured to better communicate pedagogical ideas. It turned out to be the most challenging and yet professionally rewarding assignment ever as I could use it to finally learn how to use Adobe Illustrator and InDesign properly, something that I had wanted to do for years! The book should be available for purchase by the end of the year and I will promptly notify you of its publication. Here is a picture from a page of the book:

So, now I have added two more softwares to my toolbox and can’t wait to keep expanding it. I sometimes miss my programming years but it was a truly impossible task to keep as a hobby. I sometimes sell a copy of the app I have on the Apple App Store but I do not know whether I will ever be able to get back at it.

SO, WHAT’S NEXT?

Many, many things!

I for sure want to update the Scales Handbook based on Dotzauer’s method after the feedback I have received from users and my students. Dotzauer’s publishing will be a focus in the near future as I found some marvellous gems to be shared with the world.

More books are planned with the USA and some challenging engraving assignment for living composers is upcoming for the Fall-Winter period. School is also starting soon and I will see what it brings.

Print design is so fascinating that I truly hope to be able to study as much about it to allow me to offer all of you always better products and experiences.

Thank you all for supporting my work, my craft and for bearing with me in all this rambling. Feel free to drop me a line on your current thoughts and on what you would like me to cover in the future.

I hope you and all your dear ones are safe, we are starting to see a way out of all this but we need to keep strong!

Yours faithfully,

Michele Galvagno

Risorse per l’Ascolto della Musica Classica

Sperando di fare cosa gradita condivido qui la lista delle risorse disponibili sul territorio italiano per l’ascolto della musica classica. L’iniziativa nasce dalla creazione di un “compito delle vacanze” per i miei allievi e penso che potrà essere utile anche ad altri.

RADIO

Rai Radio 3 Classica, 24h di musica classica 7 giorni su 7, disponibile su:

Rai Radio 3, programmi specifici:

  • Il Concerto del Mattino: ascolto con spiegazione e introduzione da parte di importanti musicologi italiani. 
  • I Concerti del Quirinale di Radio 3: giovani talenti hanno l’occasione di suonare nella Sala Paolina del Quirinale
  • Lezioni di Musica: un grande musicologo spiega e accompagna all’ascolto di grandi composizioni classiche antiche e moderne. 
    • Fruibile in diretta (sabato e domenica alle h9.00—durata 30min) oppure:
      • in differita con accesso a tutti gli archivi passati: https://www.raiplayradio.it/collezioni/lezionidimusica/ 
      • tramite la vostra applicazione preferita di Podcast (Apple Podcast, Google Podcast, Overcast, …) cercando il programma “Lezioni di Musica” (ne troverete parecchi perché sono suddivisi per anni. Potete anche cercare una puntata specifica indicando autore e brano se vi interessa qualcosa in particolare).  

VIDEO 

  • Concerti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale (OSN) della RAI: quando presenti sono in diretta sulla piattaforma RaiPlay (https://www.raiplay.it) o su Rai Radio 3 (normalmente al giovedì sera alle 20.30). 
    • Potete seguire su Twitter il loro account per sapere esattamente quando sarà il prossimo concerto: https://twitter.com/orchestrarai?s=21
    • Spesso ci sono repliche o dirette sul Canale RAI 5 del Digitale Terrestre (e potete consultare il palinsesto completo tramite il sito di RaiPlay). 
  • Sempre su RaiPlay potete semplicemente cercare “Concerti” e la scelta sarà a perdita d’occhio.

PODCAST Specifici

Si tratta di trasmissioni a puntata di stile divulgativo. Fruibili a partire dal sito o dall’app di RaiPlay Radio e sono i seguenti: 

Tutto quanto elencato finora è completamente gratuito. 

Sono disponibili—ma assolutamente non necessarie—risorse a pagamento quali Apple Music, Spotify Premium, Amazon Prime Music, e altri, che permettono un ascolto più mirato e selettivo poiché comprendono, oltre a stazioni radio dedicate, le registrazioni discografiche dei più grandi artisti. Costo indicativo 10€/mese. 

A livello video è disponibile l’abbonamento alla Digital Concert Hall dei Berliner Philarmoniker (Orchestra Filarmonica di Berlino), personalmente il massimo livello disponibile al momento sul mercato. Comprende i concerti della stagione in live streaming, e la riproduzione in differita di oltre 600 concerti della storia dell’orchestra. Il costo è più importante (20€/mese o 150€/anno, senza rinnovo automatico) ma per gli appassionati non c’è niente di meglio.


Questo è il testo del “compito” assegnato ai miei allievi, funge qui unicamente a scopo di ispirazione.

Il “compito” che vi assegno è di ascoltare almeno UN (1) concerto / programma per la durata minima totale di un’ora entro la ripresa delle lezioni in autunno e di scrivere nella tabella sottostante la data di ascolto e il nome del programma, eventualmente corredato dall’elenco dei brani ascoltati (se riuscite a ricordarveli all’ascolto). 

Note e impressioni personali sull’ascolto sono un bonus, ma non richiesto: il puro beneficio personale che otterrete dall’ascolto della musica è l’unica cosa che conta!

Michele Galvagno

Aggiungo anche il file PDF qualora potesse servirvi una versione facilmente stampabile. Potete condividerlo liberamente con chiunque crediate possa beneficiarne, vi chiedo soltanto di mantenere il mio nome come autore, grazie!

Buon ascolto!

Goltermann 4’s arrangement for string orchestra available now!

Just a very quick post to underline this achievement I am so proud of.

After many months of tinkering, the new arrangement of Goltermann‘s fourth concerto for cello and orchestra is now available for cello and string orchestra. This is no mere reduction, but a true re-arrangement to make the whole orchestral material available for the string capacity a school can have!

Now there is no more excuse, all students will be able to play this fundamental milestone of the growing-cellist repertoire in its full might!

I’m attaching a few preview images down here, but if you can’t wait, just go to this link and secure your copy today!

Thank you and stay safe!

Come dovrebbe funzionare la vaccinazione contro il Covid-19?

Questo articolo è una diretta traduzione dell’eccellente originale del Dr. Howard Oakley. Potete seguire il suo blog “The Eclectic Light Company” dove quotidianamente vengono pubblicati almeno due articoli e il suo account Twitter @howardnoakley.

Questo articolo nello specifico può essere letto in lingua originale (Inglese) qui.

La seguente traduzione è stata autorizzata dall’autore e non è sponsorizzata né contiene alcun link di affiliazione a qualsivoglia servizio o compagnia. Il suo obiettivo è unicamente quello di portare una ventata di fatti concreti in mezzo alla bufera mediatica che ha accompagnato la notizia dei progressi sul vaccino contro il Covid-19. In momenti come questi occorre restare calmi, basarsi su dati reali e non lasciarsi impressionare dalle varie speculazioni giornalistiche. In questo il Dr. Oakley è un maestro indiscusso.

L’articolo è stato pubblicato in originale il 13 novembre 2020.


Quest’ultima settimana ha visto il sorgere di un’ondata di eccitazione, accompagnata da altrettanta confusione, causata da un comunicato stampa riguardante la possibilità che un vaccino contro il Covid-19 sarebbe stato disponibile in breve tempo. Questo articolo fa luce sulle problematiche emerse e le analizza nel modo più spassionato possibile.

Terminologia

La vaccinazione non è propriamente un termine ideale per descrivere il processo attraverso il quale si viene forniti, normalmente attraverso iniezione, di un preparato inteso a indurre nel nostro corpo l’immunità a una malattia. Il termine in sé deriva da un nome specifico per il vaiolo bovino, Vaccinia, originariamente utilizzato per conferire immunità al vaiolo, ma è ora divenuto di uso comune. Si differenzia dal termine immunizzazione, il quale non si riferisce unicamente alla somministrazione di un vaccino, bensì al risultante incremento di una certa dose d’immunità. I due termini vaccinazione e immunizzazione, quindi, non sono intercambiabili, e ciò che stiamo cercando tutti di ottenere è l’immunizzazione attraverso la vaccinazione.

Vaccino

Attualmente esistono diverse metodologie che possono essere utilizzate per produrre un vaccino, e la maggior parte di esse è stata presa in considerazione per combattere il Covid-19. Il vaccino Pfizer di cui si parla nelle notizie di attualità è nuovo perché utilizza un nuovo approccio, in quanto utilizza l’RNA messaggero (mRNA), in sé una scoperta relativamente recente. Sebbene questo sia una novità per l’utilizzo con gli esseri umani, la scienza che lo sostiene non lo è ed è compresa a fondo. C’è ancora molto da imparare su quanto i vaccini basati su mRNA saranno efficaci, ma questo non è così sconosciuto come qualcuno vorrebbe cercare di farlo sembrare.

Conservazione

È stato prodotto molto fumo a riguardo dei requisiti di conservazione del nuovo vaccino Pfizer. Per molti, -70°C sembrano quasi impossibili da ottenere nella vita di tutti i giorni. Se avete mai lavorato in un laboratorio che gestisce tessuti organici o simili campioni biologici, vi sarete già sicuramente imbattuti in congelatori che mantengono tali campioni a -80°C. Sebbene essi non siano facilmente reperibili, esiste un altro prodotto commerciale tutt’altro che raro dal valore pratico inestimabile: il ghiaccio secco, venduto per la prima volta in grandi quantità nel 1925, e utilizzato in lungo e in largo per la conservazione dei gelati distribuiti da postazioni mobili, e per la rimozione delle verruche.

Inoltre, la richiesta del vaccino genererà una linea di produzione del tipo “Appena in Tempo”, nella quale un lotto fresco di vaccino verrà spedito tramite posta aerea e verrà iniettato nell’arco di un paio di giorni. Siccome il vaccino Pfizer può essere conservato in frigorifero tradizionale per fino a cinque giorni senza problemi, il principale problema logistico non sarà la conservazione, bensì la produzione.

Vaccinazione

Coerentemente con la maggior parte dei concorrenti (se non tutti), il vaccino Pfizer viene somministrato in due dosi, separate tra di loro di circa 3-4 settimane. Questa è una procedura normale per questo tipo di vaccino, ed è generalmente ritenuta essenziale al fine di ottenere una buona risposta immunitaria in quanti più soggetti possibile. Questa è la procedura attraverso la quale questo vaccino è stato testato, e cercare di accorciare la strada a una singola somministrazione garantirebbe unicamente livelli inferiori d’immunizzazione, rendendo quasi certamente la vaccinazione uno spreco di tempo e di energie.

Ovviamente, il requisito di una doppia dose raddoppia il peso logistico. Per una nazione con 50 milioni di persone, esso si traduce in un requisito di 100 milioni di dosi di vaccino (per ottenere il 100% di copertura, vedi sotto), e del fatto che ogni persona dovrà recarsi due volte a farsi vaccinare, calcolando accuratamente l’intervallo temporale.

Finché la seconda vaccinazione avrà avuto effetto, normalmente circa sette giorni dopo la somministrazione, dovremmo comportarci come se non ci fosse stata alcuna immunizzazione. Sebbene il nostro sistema immunitario dovrebbe sviluppare una risposta poco dopo la prima dose, essa non sarebbe affidabile né sufficiente per fornire un alcun genere di protezione contro il Covid-19. Quindi, non appena avrete ricevuto la vostra seconda dose, non potrete uscire dalla clinica, gettare la vostra mascherina e interrompere il distanziamento: una protezione totale dovrà essere mantenuta per almeno una settimana, se non di più.

Bambini

Come conseguenza del fatto che il Covid-19 è più grave negli adulti-anziani, e comunemente rappresenta una malattia piuttosto blanda nei bambini, la maggior parte delle nazioni renderà probabilmente prioritaria la vaccinazione degli adulti e degli anziani, escludendo i bambini di età inferiore ai 12-15 anni. Sono state formulate diverse spiegazioni per questa scelta, ma un altro importante fattore da considerare è che le vaccinazioni rivolte ai bambini richiedono normalmente un periodo di prova su bambini di età appropriata. Si cerca di essere ancora più attenti nell’approvare vaccini dedicati ai bambini, quindi, per il momento, questa non è ritenuta una priorità.

Quanti devono essere immunizzati?

I governi e la stampa sono stati reticenti riguardo allo spiegare quanta parte della popolazione dovrà essere immunizzata con successo prima che il rischio d’infezione da Covid-19 possa dichiararsi ridotto per quella popolazione.

Il requisito fondamentale è ciò che viene conosciuto come Soglia dell’Immunizzazione di Gregge (da Herd Immunity Threshold (HIT), NdT), che viene definita in rapporto all’R0, ovvero il fattore di riproduzione in una popolazione mista e completamente suscettibile al contagio. La comunità scientifica è d’accordo sul considerare la formula dell’HIT come HIT = 1-(1/R0).

Esistono diverse stime per l’R0 del Covid-19, ma la maggior parte si attesta tra 2 e 3, rendendo l’HIT qualcosa tra il 50% e il 67%. Nota bene: questa non è la percentuale della popolazione che è stata vaccinata, bensì la percentuale della popolazione che dispone d’immunità effettiva.

Più della metà della popolazione che potrebbe contrarre il Covid-19 deve diventare immune a esso, di conseguenza non è complicato giungere a verificare quanti devono essere vaccinati per ottenere questo risultato. Nel Regno Unito, ad esempio, circa il 20% della popolazione sono bambini, e loro non verranno vaccinati inizialmente, lasciando l’80% disponibile per la vaccinazione. Una parte significativa di essi, tra il 5-10%, ha già contratto il Covid-19, sebbene molti di loro non ne svilupperanno alcuna immunità permanente come risultato.

Determinare quale percentuale otterrà un’immunità efficace contro il Covid-19 tra coloro che sono stati vaccinati è più difficile, nonché uno degli obiettivi del periodo di prova del vaccino. A ogni modo, difficilmente sarà oltre il 90%, e potrebbe essere radicalmente di meno. Tale figura tende inoltre a ridursi nel tempo dopo la seconda dose. Perciò, al fine di ottenere il 67% di popolazione con immunità efficace, considerando un R0 uguale a 3, quasi tutti (94%) dell’80% degli adulti dovrebbero essere vaccinati. Più spazio di manovra sarebbe disponibile con un R0 uguale a 2, il che richiederebbe una vaccinazione di circa il 70% degli adulti.

In nazioni con una percentuale più alta di bambini, come il Kenya con oltre il 50%, ottenere l’HIT senza vaccinare i bambini è impossibile anche con un R0 uguale a due.

Ci sono fattori che possono ridurre il numero effettivo di individui immunizzati richiesto per limitare la trasmissione al punto da sradicare il Covid-19. Uno di questi è, ovviamente, il fatto che l’immunità acquisita naturalmente può ridurre la quantità di adulti da vaccinare. Questo potrebbe essere utile in alcune nazioni più piccole che hanno visto indici di contagio molto alti, ma è improbabile che possa aiutare altre nazioni. Tale metodo si affida inoltre allo svolgimento di test sierologici per determinare chi disponga di un’immunità residuale.

Forse la strada migliore per ridurre la percentuale richiesta è quella di ridurre il valore effettivo di R al di sotto di 2, usando le stesse misure a cui ci siamo ormai abituati, quali quarantena, distanziamento, mascherine, e un assiduo tracciamento dei contatti. Come sappiamo bene, tali misure non sono semplici e hanno le loro conseguenze. Ciononostante il prossimo anno potrebbe dimostrarsi decisivo al fine di rendere vittoriose le campagne di vaccinazione. Ciò di cui abbiamo bisogno adesso sono tre o più vaccini che sono stati dimostrati (relativamente) sicuri ed efficaci nel fornire immunità di durata sufficiente, e disponibili in quantità tali da supportare ampie campagne di vaccinazione.

Incrociamo le dita.


Nota del Traduttore

Ringrazio ancora una volta profondamente il Dr. Oakley per avermi permesso di tradurre in italiano e di pubblicare questo articolo sul mio blog.

La sua produzione quotidiana di articoli sulla tecnologia, sull’arte e sulla medicina è stata e continua a essere una fonte di luce in questi ultimi mesi in cui abbiamo tutti bisogno di tenere la testa sul collo e di non lasciarsi abbindolare dalle notizie che leggiamo sui giornali e ascoltiamo alla televisione. Quantomeno, facciamo lo sforzo di andare a verificare che quanto letto e ascoltato abbia un fondamento scientifico.

Grazie.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito